Decreto fiscale 2017: approvato al Senato il maxi emendamento di modifica

Giovedì 16 novembre l’Assemblea ha rinnovato la fiducia al Governo, approvando con voti 148 favorevoli e 116 contrari il maxiemendamento interamente sostitutivo del ddl n. 2942, di conversione in legge del decreto-legge in materia finanziaria e per esigenze indifferibili (c.d. decreto fiscale), che recepisce le modifiche apportate dalla Commissione Bilancio. Il testo passa alla Camera.

Le principali novità sono le seguenti:

  • Rottamazione bis: numerose le agevolazioni introdotte nel pacchetto rottamazione. In primo luogo viene estesa la possibilità di accedere alla definizione agevolata delle cartelle esattoriali a a tutte le cartelle esattoriali dal 2000 al 30 settembre 2017; inoltre viene posticipato al 7 dicembre il termine per rientrare nella rottamazione 2016, pagando le rate scadute di luglio e settembre e quella prevvista con scadenza novembre 2017. Infine viene rimandata a luglio 2018 la rata di aprile 2018.
  • Spesometro 2018: introdotta la scadenza semestrale e la  possibilità di trasmettere un documento cumulativo per le fatture sotto i 300 euro. Inoltre se gli errori di trasmissione del primo semestre 2017 vengono sanati entro febbraio 2018 non sono previste sanzioni.
  • Equo compenso professionisti: previsto un equo compenso per tutti i professionisti e i lavoratori autonomi in funzione della quantità e della qualità della prestazione.
  • Affitto fuori sede: la detrazione dei canoni coinvolgerà gli studenti fuori sede a partire da 50 Km per coloro che risiedono in zone montane e/o disagiate, restando a 100 Km in tutti gli altri casi anche all’interno della stessa provincia.
  • Credito d’imposta investimenti in pubblicità: estensione dell’agevolazione anche alle testate online e agli investimenti del terzo settore
  • Bollette: divieto di fatturazione a 28 giorni per i contratti di telefonia e Pay TV, anche per le utenze professionali.